Cecilia Nicolini (Chromavis Abo): “Sabato a Vicenza sarà tosta”

Chromavis Abo Offanengo Volley B1 femminile girone A

La palleggiatrice neroverde analizza il successo per 3-1 contro Volta Mantovana e guarda al prossimo match a domicilio dell’Anthea

 

 

Per il secondo anno ha in mano la cabina di regia in campo della Chromavis Abo, con il compito di trasformare bagher e palleggi in schiacciate da mettere a terra sfruttando la vasta gamma di soluzioni offensive della squadra. Anche in questa stagione, la palleggiatrice (e vicecapitano) Cecilia Nicolini sarà un punto di forza di Offanengo, a caccia della promozione in A2 sfumata lo scorso anno nella finale play off contro Montale. La nuova annata, invece, è iniziata con un ko a San Donà di Piave riscattato dal debutto casalingo vittorioso di domenica scorsa contro Volta Mantovana (3-1).

“Avevamo bisogno della vittoria – spiega la Nicolini, originaria di Codogno e classe 1994 – il nostro livello di pallavolo che possiamo esprimere è ben lontano da quello messo in mostra con Volta, ma ci sta, siamo all’inizio, ci sono tante cose e meccanismi da sistemare: non c’è fretta. Con carattere e voglia di vincere, inoltre, si possono colmare anche queste situazioni provvisorie”.

Contro Volta, Offanengo ha brillato soprattutto nella fase break.

“Avevamo preparato la partita molto bene tatticamente, il Nardi ha fatto effettivamente quello che ci aspettavamo e questo ha reso più facile il nostro compito, oltre a darci tranquillità”.

Dopo la pausa estiva, com’è stato il rientro nel caloroso PalaCoim?

“E’ sempre bello giocare qui, anche perché ogni anno c’è qualcosa in più, come per esempio domenica il servizio campo con le nostre ragazzine dell’under 14. Merito di una società che punta a un’organizzazione di alto livello”.

Sabato trasferta a Vicenza contro l’Anthea in un duello che rievoca gli scorsi play off.

“Ha cambiato un po’ il roster, ma resta di alto livello. Conosco bene la centrale Assirelli, con cui ho giocato metà stagione a Montichiari e metà a Pavia, oltre alla banda Milocco, che per tanti anni ho sfidato in B1 nel girone A. Sono due giocatrici di assoluto livello, quasi sprecate in categoria, attorniate da giovani di valore. Sabato sarà tosta, giocheremo sul loro campo contro una formazione che avrà anche voglia di rivincita”.

Le tue sensazioni nell’intesa con le compagne e nello spirito di gruppo.

“Sto bene, stiamo impostando in queste settimane le tattiche di gioco con le varie attaccanti e quest’anno c’è ancora più varietà. Il gruppo è formato da ragazze tutte desiderose di dimostrare e lavorare insieme e di questo sono molto contenta. Diventeremo squadra strada facendo attraverso tutte le dinamiche che le partite e il campionato offrono in un anno”.

Una tua curiosità all’interno dello spogliatoio di Offanengo.

“Oltre a essere il vicecapitano – sorride – sono l’addetta alla riscossione delle multe”.