Angelica Colombetti (Chromavis Abo) e la doppia maturità all’orizzonte

Chromavis Abo Offanengo Volley B1 femminile girone A

Nei prossimi mesi il giovane libero di Offanengo (classe 2002) affronterà la terza serie nazionale e concluderà il ciclo di studi superiori

 

 

Mesi suggestivi e importanti con tappe impegnative ma allo stesso tempo preziose della sua crescita, umana e sportiva. Sarà un’annata con una doppia maturità all’orizzonte per Angelica Colombetti, giovane libero della Chromavis Abo, formazione cremasca che militerà per il quarto anno in B1 femminile (girone B).

Classe 2002 e originaria di Offanengo, Angelica è un prodotto del vivaio del sodalizio del presidente Pasquale Zaniboni e quest’anno è tornata a distanza di una stagione nel roster della prima squadra dopo un’annata pallavolistica di maturazione nel settore giovanile. Per lei, un’occasione pallavolistica importante in seconda linea insieme a un’altra giovane, Camilla Riccardi (2000), in un’annata che le pone all’orizzonte anche il traguardo della maturità scolastica all’’Itis (chimica) a Crema.

“Per ora – spiega Angelica la preparazione sta andando bene. Stiamo avanzando con gradualità e senza fretta e questo mi aiuta nel mettere in pratica le correzioni che gli allenatori (Dino Guadalupi e il vice Guido Marangi) mi dicono. Mi sto trovando molto bene, inoltre come sempre la società è molto organizzata e ci permette di concentrarci sul nostro compito, ossia quello di lavorare in palestra”.

Dopo due settimane e mezzo di lavoro, qual è la prima impressione sul nuovo gruppo che sta nascendo?

“Non mi aspettavo che il gruppo fosse così affiatato fin da subito, essendo una squadra per buona parte nuova. Siamo unite non solo nel lavoro in campo, ma anche nei momenti di preparazione e fine allenamento e al di fuori della palestra. Siamo unite, possiamo essere una bella squadra e sarà il lavoro a far uscire il valore”.

Per te, una nuova stagione in B1: come stai cercando di interpretare questa stimolante avventura?

“Sto cercando di aprirmi molto di più, prima magari avevo maggiore paura di sbagliare. Cerco di lavorare anche sul carattere, che per il mio ruolo è un aspetto importante”.

Condividi le responsabilità di seconda linea con un’altra ragazza giovane come Camilla Riccardi.

“Con lei mi trovo bene, abbiamo instaurato un bel rapporto anche se un po’ ci conoscevamo già”.