Prime prove di pallavolo giocata per l’Abo Offanengo

Abo Offanengo Volley B2 femminile girone C

Nell’uscita inaugurale di Vobarno la squadra di Nibbio cede 3-1 in amichevole contro le pari categoria bresciane. Il tecnico: “Non male muro-difesa, ma abbiamo sbagliato troppo”

 

 

Prime prove tecniche di pallavolo giocata per l’Abo Offanengo, che dopo tre settimane di preparazione ha assaggiato il campo nel test amichevole di mercoledì a Vobarno contro le pari categoria (B2) bresciane. Nella prima uscita stagionale, la squadra di Giorgio Nibbio si è arresa in quattro set, sebbene il punteggio in questo momento della stagione, per di più con una squadra profondamente rinnovata (dieci tredicesimi sono nuovi), sia meno significativo degli aspetti tecnici e dei primi segnali di affiatamento nel rettangolo di gioco. Nell’amichevole, coach Nibbio ha ruotato dodici ragazze, con la sola opposta Sara Lodi rimasta in panchina: per lei (ex Properzi in B1) prosegue il programma di recupero dopo il lungo stop per infortunio.

Con le gambe cariche di lavoro e con un’intesa giocoforza da costruire man mano, Offanengo ha provato a stare in partita, riuscendoci egregiamente nel secondo set e lottando strenuamente nel primo, mentre la seconda metà del match ha sorriso al più rodato Vobarno dell’ex Sara Grassi. A livello di fondamentali, l’Abo si è fatta sentire soprattutto a muro, con 13 block vincenti nell’arco dei quattro set, dei quali 6 nel secondo parziale. Individualmente, sono approdate in doppia cifra la centrale trentina di Offanengo Francesca Fontanari (4 muri) e la schiacciatrice piemontese Alice Bocchino, entrambe a segno con 11 punti.

A commentare la prestazione è il tecnico Giorgio Nibbio. “Le ragazze – afferma il coach dell’Abo - non mi sono dispiaciute nell’atteggiamento; è una squadra nuova, fisicamente ora come ora siamo questi e mi interessava provare i primi automatismi in ricezione. Abbiamo lavorato benino nel muro-difesa, mentre abbiamo commessi troppi errori”.

LA PARTITA – Nel primo set, Nibbio disegna l’Abo con Sghedoni in palleggio, Rancati opposta, Bocchino e Ginelli in banda, Fontanari e Rettani centrali e Musiari libero. Il parziale è un continuo tira e molla tra il Vobarno e le cremasche: le padrone di casa iniziano meglio (5-2), ma Offanengo reagisce con Bocchino (5-4); nuovo allungo delle bresciane (11-6 e time out Nibbio) e altra risposta di Sghedoni e compagne, arrivate fino al -1. La squadra di Zabbeni mette la freccia (15-11), ma l’Abo annulla il gap con i muri di Bocchino e Sghedoni (16-16). Vobarno trova un buon filotto in battuta (21-16) , resiste al ritorno di fiamma ospite (21-20) e infine chiude 25-21 con un muro.

Questo fondamentale, invece, segna la riscossa della squadra di Nibbio nel secondo set: a suonare la carica, le centrali Rettani e Fontanari, che scavano subito il solco (4-7 e 6-10). A premiare Offanengo, anche la battuta, a segno con Bocchino (ace dell’8-14) e Rettani (10-16). La squadra di Nibbio (da metà set con Boglio per Rancati) è padrona del campo e non ha problemi a chiudere 25-16, pareggiando i conti.

Nella terza frazione, l’Abo cambia assetto: in diagonale con Sghedoni c’è ora Bocchino, mentre Boglio e Rancati compongono l’asse di posto quattro. Il Vobarno parte a razzo (6-0), le ragazze di Nibbio riescono a riaccendere il motore (7-6) salvo poi bloccarsi nuovamente, subendo tre ace e due muri per il 13-6 bresciano. Il tecnico delle cremasche ferma il gioco, poi inserisce Dolera per Sghedoni, ma l’ex Sara Grassi spinge le compagne verso il 25-15 e il 2-1.

Il quarto set vede Offanengo in campo con un sestetto ancora diverso: Sghedoni-Rancati, Ginelli-Boglio, Fontanari-Caravaggi e Musiari libero, che poi lascia il campo a Vasta. Il Vobarno riparte bene, mentre l’Abo prova a resistere con il muro (6-3), anche se resta sotto 8-4. La giovane Caravaggi si fa sentire (ace dell’8-6), ma le bresciane ristabiliscono le distanze sempre dalla linea dei nove metri (10-6). Il ping pong nel punteggio prosegue (13-7, 14-11), con la squadra di Nibbio (ora con Marchesetti al posto di Boglio in seconda linea) che però non riesce a risalire la corrente, cedendo alla distanza 25-17 e di conseguenza 3-1.

BSTZ OMSI VOBARNO-ABO OFFANENGO 3-1

(25-21, 16-25, 25-15, 25-17)

BSTZ OMSI VOBARNO: Saottini, Alibrandi (L), Montini, Bellini, Bertolini, Grassi, Ravera, Panerati, Boschi, Danieli, Frugoni, Frigerio All.: Zabbeni

ABO OFFANENGO: Sghedoni 4, Bocchino 11, Fontanari 11, Rancati 2, Ginelli 8, Rettani 9, Musiari (L), Boglio 4, Dolera, Caravaggi 3, Vasta (L), Marchesetti. N.e.: Lodi. All.: Nibbio