Stefano Condina (Chromavis Abo): “Abbiamo una nuova consapevolezza e siamo un’altra squadra”

Chromavis Abo Offanengo Volley B1 femminile girone A

Il direttore sportivo traccia il bilancio di metà stagione di Offanengo, al quinto posto e reduce da cinque vittorie consecutive

 

In casa Volley Offanengo è tempo di “bilancio di metà mandato” per la formazione Chromavis Abo, giunta al giro di boa del suo secondo campionato consecutivo e della storia in B1 femminile. Una prima parte costellata da ambizioni iniziali, periodi difficili, cambio in panchina (Leo Barbieri al posto di giorgio Nibbio) e successiva risalita fino all’attuale quinto posto. A fare il punto della situazione è il direttore sportivo Stefano Condina, al suo terzo anno di lavoro a Offanengo.

Per la Chromavis Abo è stato un girone d’andata nettamente diviso in due, per rendimento e anche per diversa guida tecnica: come hai visto la squadra evolversi nell’arco delle prime tredici partite?

Dopo un settembre di preparazione e diversi tornei pre-campionato disputati e vinti, a inizio stagione alla prima sconfitta siamo entrati in un tunnel negativo che ci ha portato, dopo otto gare e cinque sconfitte, a cambiare l’allenatore. Da quando è arrivato Leo Barbieri si è voltato pagina e l’ambiente si è ricaricato di nuovo entusiasmo e positività. È cambiata la metodologia di lavoro e di approccio alle gare e, risultato dopo risultato, abbiamo una nuova consapevolezza e siamo un’altra squadra, senza ombra di dubbio”.

 Oltre ai recenti risultati positivi, a tuo avviso in cosa Offanengo è cresciuta ultimamente?

“Oggi siamo consapevoli del nostro potenziale, abbiamo delle certezze che ci portiamo in campo e sulle quali lavoriamo intensamente durante la settimana per continuare a migliorarci. Siamo cresciuti nel complesso come squadra, abbiamo una identità fatta di tante individualità importanti, ma che oggi giocano a livello corale con grinta e voglia di divertirsi che equivale al desiderio sempre di vincere a prescindere dall’avversario che il calendario ci propone ogni week-and, mettendosi a disposizione l’una con l’altra al servizio della squadra”.

Uno sguardo al campionato: un commento sul ruolino di marcia delle prime quattro forze del girone A.

“Al Futura Volley Giovani Busto bisogna solo fare i complimenti, ha sempre vinto e oggi è sicuramente la favorita per la promozione diretta, potendo anche amministrare un discreto vantaggio sulle inseguitrici e avendo consolidato un ottimo gioco che ha dato una continuità di risultati impressionante. Lecco, al di là di quanto dichiara l’esperto allenatore Milano che punta alla salvezza, è una squadra che fin da subito ha dimostrato di esser stata costruita per un campionato da protagonista ed è meritatamente al secondo posto e credo che fino alla fine lotti per uno dei primi tre posti in classifica. A mio avviso, Vigevano è la sorpresa di questo campionato: in estate ha cambiato diverse titolari e soprattutto ha avuto infortuni importanti come l’esperta palleggiatrice Trabucchi, fuori praticamente tutta l’andata, e il libero Giacomel, che purtroppo ha terminato il campionato. Nonostante tutto, è riuscita a rimanere unita e a far risultato con continuità, oggi è meritatamente al terzo posto e in piena lotta per la promozione. Infine, il Don Colleoni ha dimostrato quello che negli ultimi anni ha sempre fatto, ossia lottare per uno dei primi posti; inoltre, reputo che coach Ebana sia il valore aggiunto di un organico che comunque è formato da atlete di esperienza come Gabbiadini e Gallizioli e di indubbio valore come Pinto”.

Avanti una alla volta: questo è il motto della Chromavis Abo. Credi comunque che una clamorosa rimonta verso i play off sia ora alla portata?

“Credo di avere un’ottima squadra, non ho mai cambiato giudizio sulle mie atlete anche dopo cinque sconfitte e credo che dovremo giocare ogni partita allo stesso modo, con grinta e voglia di divertirci, poi a maggio vedremo cosa dirà la classifica”.

Per provare a entrare nelle primissime posizioni saranno fondamentali gli scontri diretti, quasi tutti in casa: quali saranno le priorità in quelle partite?

“Credo sia fondamentale continuare ad allenarci con intensità come stiamo facendo, con la grande voglia di mettersi a disposizione e di lavorare che questo gruppo ha sempre dimostrato. Il lavoro porta a crescere e la grinta e la voglia di vincere fanno il resto, a prescindere dall’avversario, scontri diretti o partite in casa o in trasferta. Sicuramente giocare al PalaCoim, visto lo splendido pubblico e i ragazzi della curva che ci sostengono a gran voce, rimane un’arma in più, anche se devo ringraziare i tanti tifosi che partita dopo partita ci stanno seguendo anche in trasferta”.