Paolo Tacchini: “A Palau ennesima grande reazione di una Chromavis Abo unita”

Chromavis Abo Offanengo Volley B1 femminile girone A

Il dirigente di Offanengo – al seguito in trasferta e da 25 anni al servizio della pallavolo del suo paese – applaude Porzio e compagne per il tie break vittorioso contro il Capo d’Orso

 

 

L’ennesima impresa della stagione, un’altra rimonta e un gruppo di fedelissimi che non si fa fermare da mari e chilometri. La Chromavis Abo non era sola sabato nella delicata trasferta in Sardegna a Palau nel match vinto da 2-1 sotto a 3-2 contro il Capo d’Orso. Al seguito, infatti, c’era anche il dirigente e membro del direttivo del Volley Offanengo Paolo Tacchini, insieme al “collega” Cristian Bressan, oltre a un gruppo di otto tifosi che a sorpresa han fatto capolino in via delle Ginestre per la gioia della squadra.

Offanenghese, Tacchini è un “veterano” della dirigenza, essendo da 25 anni al servizio della realtà pallavolistica, iniziando nella S.S. Pallavolo Offanengo (“mia figlia giocava e mi sono appassionato al volley”). Ora nel Volley Offanengo segue insieme a Gian Luca Zaniboni l’attività del minivolley (“sta andando molto bene, abbiamo tante bambine che partecipano anche alle partite della prima squadra di B1 con un legame molto bello”), oltre a essere immancabile quando gioca la Chromavis Abo.

“A Palau – spiega Tacchini – è stato bellissimo, non era facile da 2-1 sotto, contando anche una trasferta travagliata e l’assenza di Veronica Minati, ma abbiamo apprezzato molto la reazione della squadra, che ancora una volta ha dimostrato la propria unione e la volontà di raggiungere un obiettivo”. Un obiettivo chiamato terzo posto (utile per i play off) diventato realtà poi in serata. “Eravamo a cena seguendo le due partite di Trescore e Vigevano e abbiamo potuto gioire insieme per la conquista del terzo posto provvisorio”.

Terzo posto da difendere ora nelle restanti tre partite, a partire da quella di domenica alle 18 al PalaCoim contro Garlasco, all’ultima spiaggia-salvezza. “La squadra ci tiene tantissimo a completare l’opera, ma sappiamo che nulla è ancora stato determinato”.

Infine conclude. “Un grazie da parte di tutti va al nostro presidente Pasquale Zaniboni, perché viceversa probabilmente non saremmo qui a divertirci seguendo un campionato di B1. L’impegno economico per affrontare questa categoria è molto gravoso per la società; inoltre, lui ci tiene tutti uniti. Il nostro vantaggio tra dirigenti è quello di essere un gruppo di amici che cerca di fare tutto il possibile per il bene del Volley Offanengo”.